Stampa

Il Baseball Vercelli ai suoi albori

Scritto da Aiazza Franco. Postato in Storia

Il Baseball Vercelli ai suoi albori

(Articolo pubblicato sul numero unico del Baseball Novara Dicembre 1972)


Dicembre 1969.
Mancano pochi giorni a Natale.

Un ragazzino assiduo lettore di "Linus", apprende dai fumetti di Charlie Brown l'esistenza di uno sport che egli non conosce. Il padre, non essendo in grado di dargli spiegazioni esaurienti, scrive a Roma, al Palazzo delle Federazioni, dove, forse, anche questo Baseball ha un posticino.Ed è così, infatti. Da Torino, anche se non proprio da Roma, giunge Babbo Natale e porta un guantone, una mazza ed una pallina oltre a tanto, tanto contagioso entusiasmo.

Un quotidiano sportivo pubblica, il 31 Gennaio 1970, un articolo dal titolo: "Il Baseball entra anche a Vercelli". Alla fondazione ufficiale della Società intervengono Renato Germanio, in rappresentanza della Federazione, Michele Pozzi dell'Alessandria Baseball Club, Paolo Bossi che porta gli auguri del Novara Pan Electric. Padrino del B.C.Vercelli è Luca Bronzo della Juve Lancia.

I giorni passano in fretta. Il primo nucleo di ragazzi è allenato da Pozzi, gloriosa "mazza" che scrisse l'epopea del baseball alessandrino. Di questo gruppo fanno parte: Gregorio Ponci (il lettore di Linus), Roberto Carenzo, Ernesto Pernice, Marco Vercellone, Luciano Rosso, Romeo Mottura.

Intanto le iniziative per divulgare il baseball a Vercelli si moltiplicano e presto si fanno avanti anche i ragazzi del liceo.

Manca però un buon allenatore. Dalla Brumal Novara, Bossi, buon samaritano degli anni '70, risponde all'appello e per due anni sfiderà la nebbia e il gelo invernale, unitamente ad altri suoi colleghi. Le nuove leve sono: Marco Martinetti, Enzo Piccolo, Andrea Donati, Marco Canepa, Vittorio Brunetti, Marco Reis, Luciano Ordano, Gianpiero Marchiori. Ed ancora: Franco Lo Buono, i fratelli Calza, Sergio Cucco (Assessore allo sport del Comune di Vercelli), Ermenegildo Amadei, Patrizio Bertola, Leo Cortesi, Claudio Saveriano e Renato Fusaro, figlio di quel Sergio Fusaro che, con Emilio Ponci, è stato, pur tra grandi difficoltà, uno dei pilastri del baseball vercellese.

D'un balzo, eccoci alla primavera 1971, dopo un'annata imperniata su partite non ufficiali, il Comune tramite, il dott. Venè ed il Coni, per opera dell'avv. Prestinari, fanno sentire il loro tangibile interessamento.

La squadra maschile si iscrive al Campionato di serie "D", come d'incanto (ma forse c'è lo zampino di Germanio), nasce la squadra di Softball femminile, che tante soddisfazioni darà a Ponci e Fusaro, sfiorando la promozione in "B". Eccole le ragazze del batti e corri vercellese: Rita Morini, che con la sorella formerà una delle più affiatate "batterie" del campionato, Flavia Palmeroni, Cristina Tagliabue, Francesca Andreoli, Laura Balocco, Anna Donati, Fiorella Germinetti, Roberta Grosso, Betti Bertola, Caterina Cortesi, Patrizia Novara, Tiziana Pallavicini, Gianna Cucco con la figlia Paola, Silvana Sesia.

Man mano che il tempo passa altre persone offrono la loro collaborazione alla conduzione della Società. Un valido aiuto è rappresentato dal Sig. Roccia e soprattutto da Michelangelo Maddaluno, tecnico di alto livello ed ex giocatore delle serie maggiori. Essi conferiscono alle squadre l'omogenicità ed il carattere necessario per la disputa di un onorevole campionato.

Incontro amichevole Anno 1970.
Pan Electric Novara B.C. - B.C. Vercelli

In alto: Gian Piero Marchiori, Luciano Rosso, Andrea Donati, Roberto Rosso, Antonio Roccia (Allenatore), Emilio Ponci (Presidente), Marco Reis, Romeo Mottura, Ernesto Pernice<br>Sotto: Guido Tassini, Vincenzo Piccolo, Patrizio Bertola, Vittorio Brunetti, Marco Canepa, Peo Ranghino



MA LA STORIA E' APPENA COMINCIATA!

Ci piacerebbe aprire un "Museo storico del baseball Vercellese" ma abbiamo dei buchi di memoria al riguardo e saremmo grati se qualcuno ce li potesse chiudere con informazioni della propria memoria o addirittura con foto ed articoli dell'epoca, questo ci aiuterebbe a completare un percorso che ci aiuti a comprendere lo sviluppo di questo sport nella citt&agrave; di Vercelli.